Giornata contro la violenza sulle donne: l'intervento del Presidente del Consiglio Comunale Martina Deiola

26/11/2021  - 28 letture     Segreteria

Pubblichiamo l'intervento del Presidente del Consiglio Comunale Martina Deiola all'adunanza pubblica tenutasi il 25 novembre 2021.

Oggi, 25 novembre, è la giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, una ricorrenza che - purtroppo - percepiamo sempre di più. Dico “purtroppo” non perché l'iniziativa non sia lodevole, anzi, ma perché non dovrebbero esserci vittime di questi terribili reati da ricordare e azioni per prevenirli da programmare.

Odiosi forse è il temine giusto da usare, perché nella stragrande maggioranza dei casi questi crimini vengono commessi da persone di cui le donne si fidano e, spesso, che amano. Da qui oltre al dolore fisico e psichico, il lacerante senso di violazione, vergogna e solitudine che affligge le vittime, tanto da farle spesso desistere dal denunciare.

La violenza sulle donne ci riguarda tutti ed è sintomo di una terribile deriva della nostra società che dobbiamo combattere con tutte le nostre forze.

Non si può tollerare, giustificare o minimizzare, nemmeno a parole, nemmeno nelle chiacchiere tra amici. Bisogna biasimare fermamente e condannare.

La pandemia ha purtroppo visto crescere i numeri delle donne che hanno subito violenze di ogni tipo e il nostro piccolo comune non è indenne.

Come delegata ai servizi sociali voglio ribadire a gran voce che le vittime di violenza troveranno in me e in questa amministrazione tutto il supporto di cui avranno bisogno in collaborazione con la rete delle forze dell'ordine e dei servizi alla persona del nostro territorio.

Quello che non troveranno mai è un giudizio o un preconcetto.

L'ascolto è la chiave, la base da cui dobbiamo partire per far sì che sempre più donne abbiano il coraggio di denunciare e che i carnefici vengano puniti e non possano più fare del male.

Colgo l'occasione per ricordare che da quest'anno anche i nostri paesi hanno la panchina rossa. È solo un simbolo, lo so, ma assume un valore ancor più speciale perché le hanno realizzate i nostri bambini, che sono la generazione di domani e che speriamo che, grazie a questo movimento mondiale di sensibilizzazione, possano definitivamente sradicare questa piaga sociale e vivere in un mondo governato dal rispetto e non dalla prevaricazione.

Come istituzione è nostro fermo dovere tenere più che mai alta l'attenzione sul tema, ed è questo l'invito che rivolgo a voi colleghi questa sera.

Grazie

Martina Deiola

(Presidente del Consiglio Comunale)

Condividi:

Azioni:


Contattaci
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.

torna all'inizio del contenuto

Web Analytics